• Home
  • Atti parlamentari
  • L'importanza del tirocinio professionale nei corsi di laurea delle professioni sanitarie

L'importanza del tirocinio professionale nei corsi di laurea delle professioni sanitarie

Interrogazione a risposta scritta 4-10695

Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-10695
presentato da
LICATINI Caterina
testo di
— Al Ministro dell'università e della ricerca, al Ministro della salute. — Per sapere – premesso che:

le categorie delle professioni sanitarie assistenziali, riabilitative, tecniche e tecniche della prevenzione esistenti attualmente nel nostro Paese, assicurano lo svolgimento di attività di prevenzione, diagnosi, cura e riabilitazione fondamentali per garantire a pieno il servizio sanitario;

negli atenei campani manca e, in altri casi, è gravemente carente l'organico riferito alle 19 professioni sanitarie afferenti all'origine dei sanitari di radiologia medica e delle professioni sanitarie tecniche della prevenzione e riabilitazione;

tale carenza provoca, inevitabilmente, ripercussioni negative sulla formazione universitaria dei giovani studenti che si approcciano al mondo del lavoro e che, oltre allo studio teorico delle materie, vogliono e devono, da programma universitario, svolgere un tirocinio;

il tirocinio professionale è una strategia formativa che prevede l'affiancamento dello studente ad un professionista esperto e in contesti sanitari specifici al fine di apprendere le competenze previste dal ruolo professionale. La mancata possibilità di svolgerlo con le figure competenti, rende irregolare il percorso formativo dei rispettivi profili;

il consiglio direttivo dell'ordine delle professioni sanitarie di Napoli, Avellino, Benevento e Caserta, presieduto dal dottor Franco Ascolese, ha deliberato, all'unanimità, indisponibilità a designare i membri di competenza nell'ambito delle commissioni di laurea di tutte le 19 professioni sanitarie tenute dagli atenei campani, ritenendo la formazione degli studenti del tutto insufficiente rispetto agli standard richiesti dalla normativa vigente in materia, a causa dell'inidoneità delle attività di tirocinio svolte in assenza delle figure professionali di riferimento;

tuttavia, il caso campano è solo un esempio di quanto accade in tutti gli atenei italiani in cui è offerto un corso di studi in professioni sanitarie e ciò si pone irrimediabilmente in contrasto con l'esigenza di abbinare allo studio teorico l'attività pratica;

il tirocinio professionale, infatti, rappresenta il cuore della preparazione professionale degli studenti dei corsi di laurea delle professioni sanitarie, l'occasione per consolidare le esperienze maturate nella formazione universitaria e la modalità formativa fondamentale per sviluppare competenze professionali, ragionamento diagnostico e pensiero critico –:

se, alla luce delle considerazioni suesposte, il Governo intenda promuovere delle iniziative per verificare tale problematica riguardante le università, in particolare campane, e adottare iniziative, per quanto di competenza, affinché sia posto rimedio alla situazione descritta.
(4-10695)

Condividi

Carrello